Statue leggere come vele

IL MOMENTO PERFETTO
  • 7 maggio - 10.45
  • 24°
  • 361 m
  • Ispirato

A Ligornetto, a pochi passi dalla piazza del paese, sorge una villa attorniata da uno splendido parco punteggiato di fiori, limoni, fontane e alberi di ogni genere. Proprio in questo piccolo borgo nacque nel 1820 Vincenzo Vela, artista che dal Mendrisiotto ha raggiunto Roma. Oggi passeggiando tra le sue statue ti senti in pieno Risorgimento italiano.

Ti osserva e ti senti piccolo piccolo. Ha uno sguardo quasi minaccioso, ma tu ti concentri sulla leggerezza di quegli enormi drappi che non sembrano di gesso, ma di leggera stoffa. Ti sembra di sentire il vento che ti accarezza la pelle prima di andare ad animare il vestito di quel gigante. Noti poi l’espressione del volto, i dettagli delle mani e la maestosità che paiono irradiare gli occhi di quegli uomini che hanno fatto l’Italia e non solo.
Vincenzo Vela. Quel nome non ti era nuovo e ora ti ricordi: avevi visto una sua scultura in un museo romano e che sorpresa scoprire che dessero tutto quello spazio ad un artista ticinese. Non è facile emergere in una nazione così ricca di cultura. Ma lui ce l’ha fatta. Partito da Ligornetto, lo scultore momò studiò a Milano e Venezia, prese parte come volontario alla guerra civile svizzera del Sonderbund e poi trovò gloria e ricchezza a Torino. Dal 1862 fece costruire la villa di Ligornetto, già ideata per dare spazio alle principali opere d’arte dello scultore.

Museo Vela

Museo Vela

Museo Vela

Museo Vela

Museo Vela

Museo Vela

Museo Vela

Museo Vela

Museo Vela

Museo Vela

Fontane, un giardino all’italiana e all’inglese, un laghetto, degli angoli per leggere e riflettere, fiori e piante per arricchire questo gioiello architettonico e artistico. Ti senti in un paradiso. Non credevi che in questo luogo, tra vigneti, campi e strade ci fosse un museo. Ti colpiscono le statue di Vincenzo, certo, ma anche quelle del fratello Lorenzo e del figlio Spartaco. E poi i quadri e la mostra temporanea: questa che stai osservando è tutta dedicata ai fiori. È affascinante quello che può fare la natura e che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni.

Qui al Museo Vincenzo Vela lo scoprono anche i più piccoli: quando sei entrato hai visto una scolaresca pronta ad immergersi nella scoperta. Questa visita resterà sicuramente nelle loro menti e i sorrisi sui loro volti affascinati dai giganti di gesso sembrano già confermare questa ipotesi. Che il viaggio nell’arte abbia inizio.

Martina Zanetta, - studentessa che guarda lontano
Martina Zanetta,studentessa che guarda lontano
Ti potrebbe interessare anche la seguente storia
Il panorama è stupendo e il posto è ambito per scattare una foto che farà invidia agli amici.
Leggi la storia

COSA TROVO NEI PARAGGI

INFO UTILI

Oltre alle opere di Vincenzo Vela il museo ospita varie esposizioni temporanee.


CONTATTI

Museo Vincenzo Vela
Casella Postale 8
Largo Vela
6853 Ligornetto

T +41 58 481 30 44/40
museo.vela@bak.admin.ch
www.museo-vela.ch

 

COSA METTO NELLE CUFFIE

ALTRE ESPERIENZE