• Sapori
  • mendrisiotto
  • bikeandwine
  • wine
  • degustazione

Pedala, scopri, degusta

IL MOMENTO PERFETTO
  • 2 settembre - 16.50
  • 26°
  • 351 m
  • Ispirato

Lentamente attraversate i curatissimi filari del vigneto per sbucare su un ampio terrazzo che si affaccia sul paesaggio del Mendrisiotto. Wow, che paradiso! Dall’alto della collina scorgete la prossima tenuta vitivinicola che vi attende per farvi scoprire le innumerevoli sfumature del vino locale. Rimontate in sella alle vostre biciclette e vi godete la piacevole discesa tra i vigneti. Degustare non è mai stato così suggestivo.

Siamo a Vacallo, a due passi da Mendrisio, pronti a immergerci in un fine settimana all’insegna di bacco. Alcuni amici ci hanno consigliato il Conca Bella Boutique Hotel – il primo Wine Hotel del Ticino. Qui tutto ruota attorno al tema del vino: la nostra stanza ha le pareti color rubino ed è dedicata a una cantina locale con tanto di bottiglia da degustare. L’Enoteca dell’albergo propone oltre 1'100 etichette diverse. Prima di andare a cena, non resistiamo, ci concediamo un aperitivo a base di Merlot bianco sulla splendida piazzetta davanti alla struttura. 

Al mattino dalla finestra ammiriamo il paesaggio collinare ricoperto da vigneti. È la giornata perfetta per partire alla scoperta del territorio. Il giro che abbiamo scelto si snoda tra le tenute vitivinicole della regione e permette di assaporarne i vini e i prodotti locali, il tutto a bordo di una bicicletta. La partenza è prevista a Balerna, all’Azienda Borgovecchio. Qui incontriamo le nostre simpatiche guide – tutte volontarie e rigorosamente del posto – e conosciamo il resto dei partecipanti. Siamo un piccolo gruppo e in un attimo si crea un ambiente famigliare e disteso. Preso possesso delle sgargianti biciclette rosse, dei caschetti e di qualche bottiglietta d’acqua, siamo pronti a pedalare.

Il Mendrisiotto si rivela una sorpresa dopo l’altra, le guide ci conducono attraverso piccoli borghi, colorate casette, strette viuzze e intanto ce ne raccontano la storia, le tradizioni e anche qualche curioso aneddoto. Il “fil rouge” è sempre la vigna che puntualmente spunta tra un paese all’altro. Talvolta è in cima a una collina, talvolta su un terreno terrazzato. Pedaliamo con il sorriso dipinto sui volti. Ancora una piccola salita e arriviamo alla prima tappa: la tenuta Trapletti di Coldrerio. Ci attende Enrico, il proprietario, che dentro alla vigna ci è cresciuto trasformando la sua passione in professione. Il suo entusiasmo è contagioso. Visitiamo l’ampia tenuta: le uve sono perfette e curate e dal 2020 sono anche BIO. Enrico ha preparato una selezione di vini da degustare. Apprezziamo le caratteristiche di ogni bottiglia, grazie alle precise spiegazioni. Verrebbe voglia di fermarsi un altro po’, ma il giro di scoperta prosegue. Rimontati in sella, finalmente ci godiamo un po’ di discesa. 

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

Bike&Wine, Mendrisiotto

La tappa successiva è all’Azienda La Costa di Novazzano. Una fattoria convertita in azienda vitivinicola, che ha saputo mantenere il suo aspetto rurale. Tra i vigneti, infatti, pascolano liberamente anche le mucche. Nella suggestiva corte della casa colonica, ci attende un invitante tavolo imbandito di prelibatezze: formaggini freschi e affettati abbinati ai vini della tenuta. Anche qui assaggiamo, assaporiamo e chiacchieriamo con il produttore. Quando rimontiamo in sella è quasi ora di cena e il passaggio davanti allo storico Grotto Sant’Antonio di Balerna, cade a puntino. Così, prima di concludere il giro, ci gustiamo le specialità della cucina locale in un’atmosfera vivace e cordiale. 

Non è possibile ripartire da questa regione senza aver visitato la Corte del vino Ticino a Morbio Inferiore. Il giorno successivo, andiamo a fare due passi al Parco delle Gole della Breggia. La Corte sorge proprio all’ingresso del parco naturale, dentro al mulino del Ghitello. Questo piccolo gioiello rende omaggio agli oltre 1'000 ettari di vigna della regione, alla sua storia secolare e alle tante persone che del vino hanno fatto ragione di vita. Al sommelier, dopo la visita della cantina, domandiamo la possibilità di poter sperimentare una “Blind Wine Tasting”. Detto fatto: ci ritroviamo con gli occhi bendati pronti a vivere un’esperienza extrasensoriale. Il gusto e l’olfatto si risvegliano, tutto appare amplificato. Di ogni calice apprezziamo il profumo, l’aroma, il sapore. Il sommelier ci guida sapientemente svelandoci le caratteristiche dei diversi vini. Il fine settimana ci ha fatto conoscere una regione che non ci aspettavamo, svelandoci la tradizione del vino, ma anche la storia e la passione della gente che la abita.

 Silvia Torricelli e Yuri Catania, - proprietari di CasaGalleria.ART.
Silvia Torricelli e Yuri Catania,proprietari di CasaGalleria.ART.
Ti potrebbe interessare anche la seguente storia
Il nostro principio è di disporre la nostra casa, ossia il luogo per noi più importante, in condivisione con gli altri, questo perché l’arte va vissuta.
Leggi la storia

COSA TROVO NEI PARAGGI

INFO UTILI

COSA METTO NELLE CUFFIE

ALTRE ESPERIENZE