148977
Image 0 - Parco del Penz
Image 1 - Parco del Penz
Image 2 - Parco del Penz

Parco del Penz

Il Parco del Penz si estende su una superficie di ca. 245 ettari.
L’altitudine varia tra i 240 e i 562 metri slm. Le radure situate ai piedi della collina sono in prevalenza ripide, spesso intagliate da piccole vallette, in cui scorrono numerosi ruscelli, che sfociano nel torrente Faloppia.

Le aree boschive sono più pianeggianti e si estendono soprattutto lungo il versante di Chiasso fino a Sud-Ovest verso Pedrinate, dove si connettono con il Parco Spina Verde. L’elemento boschivo costituisce una delle principali componenti del paesaggio collinare del Penz. Vi predomina il bosco di latifoglie con specie arboree tipiche di suoli a reazione acida: la robinia e il castagno sono le principali specie presenti; non mancano faggi, querce, carpini, larici, abeti, ciliegi, betulle.

Tre i 3 biotopi (zone umide), quali siti privilegiati per la riproduzione d’anfibi d’importanza nazionale come la rana di Lataste (via Sottopenz, località Campagna a Seseglio e zona Moreggi).

Le origini geologiche risalgono a circa 20 milioni di anni fa (Terziario) quando in seguito a forti sconvolgimenti tettonici vennero trasportati amalgami di rocce tipici di regioni alpine situate a 60-70 chilometri di distanza, le gonfoliti (Granito dello Julier, della Bregaglia, Gneiss della Valtellina).

Su questo substrato si è sviluppata un’intensa attività viticola, di cui le ampie superfici vignate di Seseglio e Pedrinate sono fedele testimonianza. Il parco è particolarmente interessante anche dal punto di vista micologico: sono censite  ben 480 specie diverse di funghi; in zona Moreggi  vi è la “Sosta dal fungiatt”.

I punti panoramici di maggior pregio sono il Dosso Pallanza (560 m.s.m.),  con “Terrazza Belvedere”, nonché l’area dell’Oratorio di S.Stefano e S.Lorenzo (490 m.s.m.). Il punto di estremo sud della Svizzera si trova nel parco segnalato con la pietra di confine 75B, in zona Moreggi.

4 i parchi-giochi ubicati nelle aree: via Sottopenz, via Benzoni (Madonnina/Fonte del Gal), Bosco della Selva (località Bellavista a Pedrinate) e in prossimità del centro sportivo di Seseglio.

La rete dei sentieri si estende per oltre 25 km, con collegamenti alla rete dei sentieri del Mendrisiotto e del Parco Spina Verde.

I percorsi ciclabili si snodano lungo via Sottopenz, via Benzoni e da Pedrinate, si possono raggiungere tramite piste forestali via al Laghetto, la zona Moreggi, il Dosso Pallanza e la zona Majocca. Un cicloparco è presente in via Sottopenz, oltre ad un area di sgambamento per cani e ad un percorso “CardioWalkTicino”.

In via Benzoni è situato anche un percorso vita di ca. 2.4 km. L’oratorio dei Santi Stefano e Lorenzo è l’edificio storicamente più interessante della zona risalente al II ed il III secolo d.C.

Caratteristiche

  • PARCHI E GIARDINI Parchi naturali